Vitamina D3 50.000iu 90 pezzi

Perché la vitamina D3 è superiore alla vitamina D2?

Sia cholecalciferolo che Ergocalciferolo sono forme inattive di vitamina D. Prima che possano praticare le loro funzioni positive, entrambe le sostanze devono essere convertite dal fegato e dai reni alla forma attiva di questa vitamina: calcitriolo. La differenza tra D3 e D2 è quindi nella loro origine:

La vitamina D2 o Ergocalciferolo si verifica in alcuni prodotti alimentari di origine alle erbe, come ad esempio: In alcuni funghi, che sono in grado di produrlo dopo l'influenza delle radiazioni ultraviolette del sole.

Vitamina D3. O il colecalciferolo è abbondante in molti prodotti animali come pesce grasso, uova e prodotti lattiero-caseari. È anche sintetizzato nella pelle dopo essere stata esposta alla radiazione solare UVB.

Numerosi studi hanno dimostrato che la vitamina D3 provoca una maggiore conversione in calcitriolo rispetto al suo analogico, la vitamina D2 e ​​contribuisce al 60% per mantenere uno specchietto di vitamina D stabile. Per questo motivo, CholecalcifiFiFerol è la forma preferita di vitamina D.

Sfortunatamente, i preparati vitamina D3 nella maggior parte dei casi contengono qualsiasi forma di ingredienti animali (di solito olio di pesce), ed è molto importante per i vegani e i vegetariani si espongono quotidianamente mezz'ora del sole quando la loro memoria di vitamina D3 vuole riempire.

Quali alimenti sono ricchi di vitamina D3?

Grandi quantità di vitamina D3 si trovano in alimenti di origine animale come pesci, uova e prodotti lattiero-caseari. Di seguito è riportato un tavolo con le più importanti fonti di vitamina D3 e la loro concentrazione di colecalciferolo relativa alla dose giornaliera raccomandata (RDA) per un adulto:

Sebbene l'assunzione di vitamina D3 sul cibo sia meno efficiente della produzione di questa sostanza attraverso la luce del sole, una dieta variata, che è ricca di questi prodotti, fornisce un sufficiente colecalciferolo per una salute ottimale di osso, mente e cuore.

Che cosa è esattamente la vitamina D3?

Quando parliamo di "vitamine", ci riferiamo a una serie di molecole essenziali per il corretto funzionamento del nostro organismo. Normalmente sono necessari in piccole quantità e devono essere prese direttamente sul cibo. Agiscono regolando la funzione di diversi ormoni ed enzimi.

Ci sono diversi tipi di vitamina D, disposti da 1 a 5. Il corpo umano è in grado di utilizzare la vitamina D2 (ergocalciferolo) e vitamina D3 (cholecalciferolo). Un integratore dietetico chiamato "Vitamina D" contiene una di queste due molecole.

La vitamina D2 è contenuta nel cibo di origine a base di erbe, mentre la vitamina D3 si verifica nel cibo dell'origine animale. La nostra pelle può sintetizzare il colecalciferolo dopo la luce del sole. Per questo motivo, alcuni scienziati preferiscono considerare questa molecola come ormone e non come una vitamina essenziale.

La vitamina D3 riduce il rischio nei seguenti casi

Alcune ricerche indicano che una carenza di vitamina D potrebbe essere associata ad un aumentato rischio di sviluppare malattie autoimmuni. Le sperimentazioni cliniche che hanno esaminato l'uso della vitamina D in alcune forme di artrite sono arrivate alla conclusione che ha un effetto preventivo.

Il calcio in congiunzione con la vitamina D3 contribuisce dimostrativamente alla guarigione delle rotture ossee a causa dell'osteoporosi e riduce il rischio di future rotture ossee. Inoltre, la vitamina D ha avuto un effetto positivo sulla funzione muscolare e sulla potenza e riduce quindi il rischio di cadute.

Il cancro, gli studi di laboratorio indicano che la vitamina D può avere un effetto di cancro. Alcuni studi hanno portato evidenza chiara che la supplementazione della vitamina D ad alta dosi può ridurre il rischio di cancro del colon-retto. Inoltre, gli studi sulla popolazione hanno dimostrato che la supplementazione della vitamina D può migliorare le possibilità di pazienti con cancro al seno, e altri studi suggeriscono che la supplementazione della vitamina D3 può essere efficace nel trattamento del cancro della pelle.

Va ricordato che questa ricerca è ancora nella fase sperimentale.

I dati degli studi clinici indicano una connessione tra bassi livelli di vitamine e alta pressione sanguigna, e si presume che un basso livello di vitamina D sia collegato a un aumento del rischio di infarto cardiaco.

Altri studi suggeriscono che la supplementazione della vitamina D può contribuire alla prevenzione della depressione dipendente stagionale, una forma di depressione che si verifica nei mesi invernali a causa della mancanza di luce solare.